La scalata

Con la prosopopea degna d’un cardinale Disdegnò la coda all’ascensore e attaccò le scaleCol fiatone giunto sudato al sesto pianoAveva assunto un atteggiamento più umanoOrmai sembrava quasi un normale cristiano

La soluzione

Superato anche l’ultimo buco della cintura Si buttò senza freni su frutta e verdura Ma allo spasso delle arterie e del cuore Si opponeva un costante pessimo umore Così comprò le bretelle e buttò la cintura

Mala sorte

Si portava dentro buio e confusioneCome capita a quelle personeA cui è toccata una mala sorteUn quaderno con le righe storte Dentro un fosso fino alla morte

Rosso come una brace

Con una lunga mano insanguinata Ad un ramo restava avvinghiata Per contrastare il grosso rapace Crudele e rosso come una brace Che per un piede l’aveva artigliata Il disegno è stato fatto da Margot sulla tovaglia della pizzeria durante il pranzo il primo novembre 2019, catturato con il telefonino e rielaborato con il computer