In ospedale

All’infinito lasciano suonare
I petulanti allarmi da ospedale
Da cavità remote giunge un vociare
Suoni inarticolati quasi un abbaiare
Mentre una voce umana si vorrebbe ascoltare