In barba alle convenzioni…

In barba alle convenzioni, fece il suo clamoroso ingresso nell’atrio neoclassico del club, ostentando una minigonna simbolica e un largo ombrello da golf, a spicchi di colori contrastanti, completamente aperto. Lo sguardo dapprima sorpreso, poi costernato del portiere la rinfrancò completamente, temeva di non essere stata notata. Prima di affidarlo alla guardarobiera chiuse l’ombrello e lo fissò strettamente con il laccio, infatti era completamente asciutto. Entrare con un ombrello aperto in un giorno di pioggia sarebbe stato troppo ovvio: niente di più di una banale distrazione.
Pur senza essere mai stata omosessuale, si riteneva matura per occupare una posizione di rilievo in una gerarchia ecclesiastica di lunga tradizione, ma sapeva di aver trascurato per troppo tempo le indispensabili relazioni pubbliche, così optò per l’alta finanza.
Presa la decisione, sentì la vocazione al potere ed agli intrighi d’alto bordo germogliare rigogliosamente dentro di sè; le restava solo da stabilire se intraprendere una sfolgorante carriera partendo dal basso o adagiarsi più comodamente nel ruolo della figlia di papà.
Affidandosi all’ispirazione, optò per quest’ultima soluzione generando da zero due facoltosi genitori borghesi ed anche un cane di alto lignaggio.
Compiuta la creazione, non le restava che sfruttare la sua inevitabile posizione privilegiata in società. Un abile sarto e un estetista ancora migliore erano tutto quanto le occorreva, così accadde che si ritrovò rapidamente a capo di un impero finanziario sconfinato, con migliaia di dipendenti e una notorietà planetaria, ma al suo club continuavano ad ignorarla per bieco maschilismo.

Sei gemelli uniti dalla stessa sorte

ven. 14 novembre 2003
Oggi soltanto un’immagine digitale di alcuni pioppi che si sforzano di crescere belli diritti e frondosi, rispecchiandosi e confrontandosi con l’immagine dei fratelli gemelli a cui è toccata la stessa sorte in nascita e, probabilmente, in morte.


(Colli bolognesi nei dintorni di Monterenzio… o altrove)

Fonino da polso e senz’auricolari 

mar. 11 novembre 2003

Per un pezzo ho resistito alle pressioni di amici perché mi dotassi di un telefonino, barricandomi dietro la promessa che lo avrei fatto quando fosse diventato parte di uno strumento da polso sostitutivo anche dell’orologio.

In realtà da tempo mi balla nella tasca destra dei calzoni un gingillo di un’ottantina di grammi che suona come una radio, può farsi ascoltare ad altavoce, esegue comandi vocali oltre a mandare e ricevere chiamate e messaggi. I tasti sono talmente piccoli. però, che occorrerebbero dita appuntite con il temperino da matite e farlo uscire dalla tasca per imporgli di accostarsi all’orecchio è un’impresa acrobatica se si è seduti al computer o in poltrona. Insomma, se fosse al polso e si potesse chiamare e rispondere senza tante storie e senza una specie di tappo in un orecchio sarebbe meglio.
Bene, pare che questo desiderio stia per avverarsi stando a quanto leggo su “Il Nuovo” all’indirizzo:

http://www.ilnuovo.it/nuovo/foglia/0,1007,191638,00.html

In sintesi: “La società giapponese Ntt DoCoMo ha pensato alla creazione di un telefono da polso che al posto dell’auricolare punterà sull’uso delle dita dell’utente. Basterà insomma posizionare la mano vicino all’orecchio e, magia, i suoni delle conversazioni saranno trasformati in vibrazioni che permetteranno di decodificare le parole. Basterà infine avvicinare pollice e indice l’uno all’altro per interrompere la conversazione. Come nei film più avveniristici sul mega-schermo.”
Vedremo quanto tempo impiegherà ad arrivare sui nostri polsi.

Nella figura gingilli d’argento vecchio stile per comporre collane e ciondoli. Non si sognano minimamente di contenere un telefono, ma piacciono ugulmente alle signore da tempo immemore.

Nudo, si tuffa nell’Adriatico in pieno inverno

sab. 15 novembre 2003

Da bambini imparavmo a memoria la tiritera “Trebbia Taro-Secchia&Panaro” per non dimenticare gli affluenti di destra del Po.
E il Reno? Si tuffa solitario nell’Adriatico con una propria autonoma foce. Una sottile ragnatela di strade minori e minime costeggia i suoi alti argini o s’intreccia con il suo corso, sprofondato nello stretto alveo verticale.
Senza essere famoso quanto il confratello germanico, citato da Cesare e da Tacito, ha un suo posto fra gli affetti e, talora, le paure della popolazione agricola che vive sulle sue sponde.

In questa stagione, dispone di una quantità d’acqua dignitosa, ancorché pacificamente melmosa; se fosse il Tevere, ci toccherebbe definirlo biondo, con ineluttabile retorica, ma per fortuna è solo un umile fiume di campagna, anche se lambisce Bologna.
La piacevolezza di seguirne passivamente e lentamente il corso in questa stagione, agganciati dalla tortuosità ipnotica delle stradine deserte in testa d’argine, sta nella dolcezza dei colori caldi dell’insieme, a partire dalle foglie dei pioppi cipressini, degli olmi, dei platani e delle rare querce, per continuare con la scura terra arata, i curatissimi frutteti ed i rossi vigneti. Non ci sono stonature cromatiche, insomma, ma una tavolozza pacata, stemperata dalla nebbia , che rasserena lo spirito.

Nella foto il Reno autunnale nella “bassa” ferrarese

Avvistato nel megastore un porcospino grande come un paiolo

dom. 16 novembre 2003Nello spingere la porta d’uscita, eravamo contenti come quando, da bambini, ci riusciva di toccare la tana, giocando a nascondino (cucù, dalle mie parti).
Soltanto allora, rinfrancati dalla nebbia pungente, abbiamo trovato, proprio accanto alla porta, l’oggetto simbolico adeguato alla circostanza: un mega portacenere, largo quanto un paiolo che sembrava un porcospino, ispido di cicche spente nella sabbia.

Ormai ce l’avevamo fatta, non restava che ricuperare l’auto con tecniche trigonometriche e baldanza podistica nello sterminato parcheggio pieno come un panettone e guadagnare un’uscita purché maggiore di zero che c’incanalasse, in fila indiana, verso la salvezza.
La libreria a parete che cercavamo l’avevamo vista e ordinata (quasi), benché io sostenga sempre che in questi megastore c’è proprio tutto, eccetto quello che ti serve.

Dentro alla sportina, perché la nostra brava sportina d’ordinanza l’avevamo anche noi, c’era un nuovo bulbo per la doccia in una confezione a prova di scasso e un indispensabile filo da cento lucette di Natale, che ci erano serviti per acquisire il diritto a fare la fila alle casse: procedura indispensabile per poter evadere dal gabbione e tornare all’aria aperta.

Ecco l’immagine digitale riassuntiva dell’evento, ripresa con la mia Sony P1, sempre acquattata in tasca in attesa di eventi millenari da trasmettere alla storia.

Indovinello pittorico

Qui sotto vedi un’immagine digitale del Reno nella pianura ferrarese che ho scattato il 15 novembre 2003, sabato scorso, e successivamente elaborato con Phtoshop, come sempre.
Si tratta di un paesaggio inequivocabilmente autunnale, ma, per gioco, ho introdotto un’incongruenza stagionale.
Sapresti indovinare qual è e spiegare perché è tale?

Smarriti a Bologna 3 zampognari a pelo corto. Ricompensa a chi li riporta a casa loro

Anche quest’anno sono ricomparsi, immutabili nel loro travestimento anacronistico da pastori di cartapesta, gli zampognari di Natale. I kamikaze della zampogna e del piffero montanaro se ne scendono a valle da montagne remote, forse inesistenti, e, in mancanza di un presepio dove collocarsi di profilo, ristagnano sotto i portici ripetendo all’infinito la stessa nenia monocorde e mezza stonata di sempre: tiro tiru tiròro tiru…

Forse perchè annunciano il Natale che io detesto, o perché suonano così male o perché sono così fasulli dalla testa ai piedi o perché li associo alla brutta stagione, m’immalinconiscono da morire, come il buio precoce di queste giornate senza colore e non vedo l’ora che siano di nuovo inghiottiti da quel buco nero, da cui sgorgano anche le stupide zucche di Halloween.

Mai che passi sotto le finestre una bella banda scatenata di New Orleans, altrettanto anacronistica e incongruente con la mia città, ma mille volte più spassosa, allegra e travolgente.
Una sola volta mi è capitato di sentire sotto i portici di via Zamboni una jazz band con i fiocchi: erano i pazienti del Roncati, l’ospedale psichiatrico, che manifestavano allegramente il loro dissenso sotto il palazzo della provincia, contro una minacciata angheria che stava per abbattersi su di loro.
Ci vogliono degli autentici matti patentati a piede libero perché si possa ascoltare della buona musica da strada.

Nell’immagine ho collocato arbitrariamente gli zampognari in uno dei piccoli archi al primo piano di un chiostro del complesso monastico di S. Stefano a Bologna. Scatenatevi pure, ragazzi, che i benedettini sono pazienti.

Dalle finestre aperte, entrava in camera il ruggito del leone

Durante il lento risveglio da queste ovattate notti brumose, impigrito dal tepore del piumone, ripensavo all’improvviso tuffo al cuore che mi sbalzava dal sonno alla veglia, quando nelle notti estive, a finestre aperte, entrava in camera il ruggito del leone. Poche centinaia di metri di campi, orti e giardini separavano casa sua dalla mia. Ai tempi del ginnasio gli spazi occupati dalle rare abitazioni qui intorno erano meno numerosi di quelli ancora vuoti che, gradualmente, furono poi riempiti nel successivo decennio.

Le strade, ancora ghiaiose e polverose erano già tracciate, ma prive di un nome. I pochi spazi già edificati, ricavati dalla lottizzazione dei margini settentrionali del parco dei principi H. portavano ancora la numerazione della stretta strada che saliva dalla città a Monte Donato. Casa mia, allora, era identificata come Siepelunga 30/15. Sul vialetto di tigli, tuttora rigogliosi, che la lambisce ad oriente veniva a cantare di notte un usignuolo ed il profumo del fieno sfalciato nel residuo, vasto parco principesco alle spalle di casa, competeva vittorioso con quello del caprifoglio arrampicato alla siepe di fronte.
La sera, mi piaceva fumare la pipa sul balcone, in ascolto dei profumi e dei suoni di una campagna in via di estinzione, guardando le volute di fumo salire al chiarore della città sottostante, in agguato.

Ora Reno II è morto e non è stato sostituito da nessuno dei suoi cuccioli e la stessa gabbia in cui viveva, all’interno dei giardini regina Margherita, suscitando lo stupore e la paura di noi bambini bolognesi, è stata demolita e quasi se n’è persa la memoria. Solo l’odore acre e persistente gli sopravvisse ancora per lungo tempo: uno spiacevole, incancellabile alone della sua maestosa, patetica, persona; un’onta risparmiata ai leoni di pietra del duomo di Modena: eternamente malinconici.

Meno mangi, meno invecchi

  • Meno mangi, meno invecchi…
  • … perché muori subito. Bada che l’avevano già inventato nei campi di concentramento questo trucco che fa anche risparmiare molto sulle spese generali, sull’assicurazione…
  • … ma no, è una novità: una grande scoperta americana, la chiamano “Calorie reduction” che in forma dimagrita si può anche scrivere CR.
  • Ah, allora, se ha un nome, un cognome e perfino una sigla…
  • Ti sento scettico.
  • Si capisce, se non ti vedessi in faccia, crederei che mi stai prendendo in giro
  • Ma no, è oro colato, l’ho letto su di una rivista; pare che ci sia un gene, il Sir2, che presiede alla longevità e si scatena se mangi poco
  • E com’è che in Africa o in India dove c’è un mucchio di gente che mangia poco e niente muoiono prestissimo.
  • Perché loro non sono mica volontari consapevoli, ma se tu, invece di mangiare un cappone, ti stuzzichi con qualche inslatina e mangi poco come un vecchio, allora il tuo organismo capisce che fai apposta per diventare un vecchio…
  • … e comincia ad invecchiare subito.
  • A dire la verità, questo è un rischio che si corre. Nessun sistema è perfetto. Effettivamente, pare che la pelle avvizzisca, i muscoli diventino flaccidi…
  • Adesso capisco: si può avere una lunga vecchiaia a patto di cominciare ad invecchiare a quarant’anni.
  • Anche prima volendo
  • Per questo non sono più in tempo. I quaranta li ho già compiuti, ma posso cominciare domani così potrò sembrare un vecchio già a quarantuno.
  • Se ci tieni.http://www.zooscape.com/cgi-bin/maitred/GreenCanyon/questw10000233/critiquef100006

Indovinello pittorico

Questo portico, che appare anche in un vecchio film di Michelangelo Antonioni, si trova in una piccola cittadina prima romana, poi bizantina, poi longobarda, poi…, percorsa da numerosi canali scavalcati da suggestivi ponti, come Venezia e Chioggia, seppure ad un livello più modesto.

L’immagine contiene due elementi estranei alla realtà. Quali?
Sapresti dirmi anche il nome della città?

E chi non ce l’ha?

Leggo su La Repubblica del 4 dicembre ’03 che in un paesino di 300 abitanti di una contea del Kansas un buon tempone di funzionario ha emesso un’ordinanza in cui ingiunge a tutti i suoi concittadini di procurarsi e di tenere in casa un arma (gun) con congrua provvista di munizioni. Insomma, un invito a proteggersi doverosamente.

La notizia ha raggiunto orecchi lontani e provocato un afflusso in paese di giornalisti e reporter televisivi piuttosto sgraditi, pare, che hanno turbato la tranquilla vita da pistoleri degli abitanti e suscitato un dibattito ancora più sgradito fra la comunità “libertarian” che mal soffre qualsiasi interferenza esterna da parte di autorità della contea, statali o, ancora peggio, confederali.

Uno dei commenti più spassosi, a mio parere, è quello di una gentile signora che ha commentato: “Ma a cosa serve un’ordinanza che impone di tenere un arma, quando tutti noi ne abbiamo in casa diverse e da sempre?”

Nessuna meraviglia, quindi, se poi può accadere una vicenda agghiacciante come quella che ci lascia senza fiato nel bel film “Elephant” proiettato nelle sale in questi giorni.


La bella immagine a destra è di Lou Beach

Bora atterra yucca al primo round

Oggi, domenica 7 dicembre 2003, è arrivato l’inverno, qui a Bologna. Non è stata una sorpresa perché le previsioni del tempo l’avevano annunciato con esattezza e chiarissime spiegazioni, ma quando stamattina, scostando le tende, ho visto il vecchio gigante, un abete rosso molto ammalato, squassato dal vento e le poche foglie di tiglio rimaste in giro svolazzare a mezz’aria, mi sono reso conto che la bora era arrivata sul serio.

Uscito in terrazzo, adeguatamente incappottato, ho anche trovato la prima vittima del vento siberiano: la yucca giaceva a terra con il grosso vaso a pezzi, pur continuando ad inalberare orgogliosamente il suo sproporzionato e assurdo fiore, seppure in una ridicola posizione orizzontale.

Non è ancora stato deciso dalla sua mamma dove sarà collocata, dopo l’incidente che ha evidenziato la fragilità della passata collocazione, ma non mi dispiacerebbe se finisse nel giardino al mare, magari in un angolo: sono dieci anni che, quando la sfioro, mi fora le gambe e il sedere con le sue foglie lanceolate, spinose e iperdifensive.

Datti una calmata yucca, che nessuno qui ti vuole del male, eccetto il vento sul quale nulla hanno potuto le tue spine.