All'indice alfabetico   -  All'archivio mensile   -   Alla galleria d'immagini - Ai miei racconti - Alle mie foto - A Blogger


ven 16 febbraio 2007  Supernova

Il resto di supernova Simeis 147 nel Toro

supernova

Oggi solo questa foto "stellare" tratta dal bellissimo sito: http://www.skyfactory.org/



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) ven 16 febbraio 2007  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
gio 15 febbraio 2007  E' ora di frenare

 

pechino smog smog

Mi ha fatto molto piacere sentire anche l'autorevole meteorologo Luca Mercalli sconfinare dall'ambito più ristretto della sua scienza per richiamare un aforisma vecchio di una quarantina d'anni che afferma un'ovvietà che ho sempre pensato: "Chi crede che una crescita esponenziale possa continuare all'infinito in un mondo finito o è un pazzo o è un economista" Il discorso si riferiva ai danni prodotti da questa corsa dissennata all'aumento del PIL le cui conseguenze sono ormai sotto gli occhi di tutti.

Le emissioni di anidride carbonica in quantità indiscriminate ed in continuo aumento stanno provocando danni all'equilibrio globale dell'ambiente, ma per crescere le economie moderne hanno bisogno di consumare energia in misura crescente, senza troppo badare alle conseguenze. Sembra di assistere ad una gara notturna di pirati della strada che per superarsi a vicenda continuano ad accelerare, senza badare al fatto che stanno correndo su di un tratto di autostrada in costruzione che finisce con un baratro, in attesa del completamento di un ponte.

E' ora di frenare.

Due immagini dello smog che infesta con intensità crescente Pechino e la Cina



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) gio 15 febbraio 2007  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
gio 08 febbraio 2007  The Simpsons

simpsonsNon è la prima volta che il prestigioso inserto culturale della domenica di "Il Sole-24 Ore" si occupa ampiamente dei Simpsons, lo spassoso cartone animato creato da Matt Groening e da uno stuolo di scrittori, filosofi e scienziati che lo affiancano. A pagina 39 dell'inserto di domenica scorsa 4 febbraio 2007 c'è un vero e proprio panegirico di questo programma di venti minuti che ha compiuto in questi giorni vent'anni. Tra l'altro, c'è scritto: "Molto più di un semplice cartone animato, (i Simpson) sono uno dei pochi divertimenti intelligenti e colti prodotti dalla televisione negli ultimi tempi". Miele puro per chi, come noi, non si perde neanche un episodio, fra quelli proposti da Italia1 alle 14 e 30 e, soprattutto, dal canale satellitare FOX di SKY alle 20 e alle 20 e 30, un'ora più consona alle nostre abitudini.
Nel ritratto di famiglia qui accanto compaiono, accanto agli umani, anche il gatto Palla-di-neve ed il levrierino Piccolo-aiutante-di-Babbo-Natale, altrettanto degni membri della famiglia e presenti in diversi episodi.

Purtroppo gli episodi proposti nel nostro Paese con un'accurato doppiaggio sono in numero limitato e, pertanto, vengono ripresentati molte volte nel corso dell'anno al punto da scatenare una specie di gara fra mio figlio Marco (che ce li ha presentati in famiglia) e me su chi riconosce per primo un episodio, a volte fin dalla presentazione iniziale costruita come variazioni sullo stesso schema: il ritorno a casa a fine giornata di padre (Homer), madre (Marge e la figlioletta Maggie) e dei due figli maggiori (Bart e Lisa) con mezzi diversi (auto, skateboard e bici) fino a ricomporre precipitosamente l'unità famigliare seduti sul divano davanti alla TV.
Anche dopo averne visto un solo ci si rende conto che i Simpson sono una satrira di costume molto pungente della societa americana (e della nostra no?), ma agli spettatori più affezionati non sfuggono le decine di citazioni di libri e film importanti e, più nascosta, la comunicazione scientifica.
Nello staff che elabora il cartone ci sono infatti matematici, informatici, chimici e fisici che inseriscono il loro sapere in moltissimi episodi. Più scontata è la presenza della filosofia (Mat Groening ha studiato Filosofia al college) ed "I Simpson" hanno fornito lo spunto per un libro tradotto anche in italiano: " I Simpson e la filosofia (I grandi pensatori spiegati dalla più intelligente famiglia di cartoon. E viceversa...)", ma tutto questa cultura poco varrebbe se non fossereo un autentico spasso che si guarda e riguarda sempre con piacere.

Clicca qui per vedere tre filmatini dei Simpson in formato flash ricavati da "youtube"
Clicca qui per ascoltare l'intero tema musicale dell'inizio di ogni episodio



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) gio 08 febbraio 2007  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
ven 02 febbraio 2007  Los Berlusconi si tiran los platos en publico

ramses IIIeri "El pais" titolava in prima pagina "Los Berlusconi si tiran los platos en publico": bel titolo, fra quelli riportati dal Corriere di oggi, molto più divertente di tanti altri che ieri hanno occupato le pagine della stampa internazionale.

Il gossip (o meglio, i pettegolezzi) non mi appassionano per una mia carenza genetica e anche questo non fa eccezione, tuttavia devo riconoscere che mi ha sorpreso sia per la vicenda in sé, sia per l'eco straordinaria che ha risvegliato in mezzo mondo, forse battuto solo dalle disavventure erotico-processuali che afflissero Bill Clinton, personaggio molto più simpatico ed apprezzabile, ai miei occhi, del nostro "padrone di televisioni".

Non so come la vicenda debba essere interpretata o giudicata; fortunatamente stuoli di dietrologi professionisti stanno sforzandosi di farlo con il massimo zelo. Per tutti loro è un'occasione ghiotta per esibire tutto il loro repertorio e sarebbe giusto che mandassero un bel mazzo di fiori per esprimere la loro gratitudine alla signora Lario che li ha riportati sotto i riflettori, dopo che le vicende di infanticidi o altre efferatezze stavano perdendo appeal.

A commento di queste righe ho scelto una mia foto di un autentico grande del passato: il Faraone Ramses II che volle effigiata (in piccolo) la moglie amatissima Nefertari nel grande tempio di Abu Simbel, accanto ad altre figurette di principi e principesse.

 

Nella foto, il faraone Ramses II appare seduto, con barba rituale e corona.
Piu’ piccole le statue della regina Nefertari, principi e principesse.
(Grande tempio di Abu Simbel, Egitto)



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) ven 02 febbraio 2007  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017