All'indice alfabetico   -  All'archivio mensile   -   Alla galleria d'immagini - Ai miei racconti - Alle mie foto - A Blogger


gio 04 marzo 2004  Carpe diem

Era una giornata di quelle in cui il gatto, stirandosi sulle zampe per fare la U rovesciata e sbadigliare con più gusto, guarda fuori dalla finestra e si rimette a dormire acciambellandosi sul cuscino sulla sua impronta già calda. Niente di grandioso come un tornado o anche solo un banale acquazzone nostrano, ma una pioggerella nebbiosa, persistente come il ricordo di un cattivo odore o una maledizione con i controfiocchi. Non faceva neppure rumore, ma bagnava come dio comanda. Le aiuole, oltre i vetri, erano inzuppate e anche i fiori sembravano averne abbastanza: già innaffiati, grazie, basta così.
Guardò le scarpe, in pole position davanti alla porta, per interrogarle con lo sguardo e capire se, almeno loro, avessero voglia di uscire. Non tradivano alcuna emozione. Guardò l'orologio: c'era tempo prima che l'edicola chiudesse per la pausa del pranzo. In definitiva, cosa ci sarebbe mai stato da leggere sul giornale? Aveva sentito tutti i telegiornali della sera prima, uno dopo l'altro: tutti uguali. Ormai le sorprese erano rare e anche la carta stampata sembrava destinata ad una noiosa ripetizione delle stesse veline invisibili.
C'era la settimana in cui crollavano gli ascensori, quella in cui i cani mordevano all'impazzata, le mucche pazze, i polli influenti... fece un piccolo sforzo per ricordare l'argomento in voga in quel momento: la voragine di miliardi derubati da una pia famiglia, molto per bene, di confezionatori di latte. Un soprassalto di tenerezza lo colse alle spalle ricordando il primo tetrapak della sua carriera di forte bevitore di latte. Rivide la piazzetta assolata all'isola d'Elba dove erano andati  a rifornirsi di cibi e bevande da caricare sul gommoncino che si trascinavano legato in vita con una lunga fune, mentre, a nuoto con maschera e pinne, percorrevano la costa frastagliata, scogliosa e deserta. Stavano in acqua finché il freddo non li co stringeva a trovare uno scoglio dove riprendere calore come lucertole. Allora era il momento di gloria del piccolo Pirelli arancione che li aveva seguiti come un tender galleggiante: c'erano gli asciugamani asciutti, qualche panino e il latte, diventato tiepido.


Ricordava come era vestita quando erano usciti dalla scura penombra del negozio nella luce abbacinante della piazzetta con tre confezioni di latte a lunga conservazione, mai visti prima. Sopra il costume indossava un vestito corto, prevalentemente azzurro, con una scollatura a taglio percorsa da un cordoncino bianco, intrecciato come i lacci da scarpe. Erano felici, di quella beatitudine solare che tocca in sorte agl'innamorati e si apprestavano alla loro odissea privata nelle acque fresche e limpide, senza altra meta o scopo che quello di godere della compagnia reciproca in un'atmosfera serena, mentre Nettuno appariva placato e privo d'intenzioni ostili.
Decise di commemorare il ricordo preparandosi un te, ma in cucina trovò la caffettiera espresso ancora accesa. Aveva dimentica to di spegnerla, dopo la colazione. Non si trattava di una gran sorpresa, ma decise di approfittarne ugualmente: poteva non capitargli niente altro di meglio in tutta la giornata. Carpe diem: un buon caffè bello caldo era proprio quel che ci voleva in una mattina così buia ed umida.
E così fu.



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) gio 04 marzo 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
mar 02 marzo 2004  Philosopher walk

  • Hai pensato alle conseguenze?
  • Di che cosa?
  • In generale.
  • Avrei detto che non si poteva neppure. Occorre un'azione particolare, per tentare di valutarne in anticipo le conseguenze, ti pare?
  • In generale, hai ragione. Ma io mi riferivo ad un atteggiamento universale.
  • Capisco, ma se uno abbraccia questa filosofia universale, senza poi applicarla al caso particolare...
  • Questo è vero, ma se si acquisisce l'habitus di pensare sempre alle conseguenze, in generale, è più probabile che poi capiti di applicarlo anche all'evento particolare.
  • Mi sembra di capire che tu disapprovi che agisce distrattamente, alla carlona, senza preoccuparsi minimamente di valutare i possibili effetti che le sue azioni possono causare.
  • E' così, infatti.
  • Ma di quante mosse previste ti accontenti?Prendiamo ad esempio gli scacchi. Quante possibili mosse e risposte deve pensare un giocatore perché tu non lo giudichi "uno che non pensa alle conseguenze"?
  • Tre? Forse cinque? Non ne ho idea.
  • Sembrerebbe, allora, che tu non avessi pensato alle conseguenze della tua domanda iniziale. Perché ti volti? Non ti convince quello che dico?
  • Altroché, hai proprio ragione, ma guarda quella bella giovanotta che passa. Sai cosa ti dico alla fine del giro? che a me, tutto sommato, piacciono le sorprese.

Significativa veduta della celebre Philosopher walk di Nonsodove



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) mar 02 marzo 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
lun 01 marzo 2004  Capate, scarciofoli freschi

Quando ero bambino e abitavamo in una strada privata più larga che lunga, ai margini della zona universitaria di Roma, mi capitava spesso, nell'andare a scuola, di vedere una giovane donna, già molto opulenta, seduta al margine del largo marciapiedi che conduceva verso un mercato coperto rionale. Se ne stava seduta su di una robusta cesta ribaltata a mondare i suoi carciofi. Si muoveva con gesti flemmatici, ma con grande perizia, ai miei occhi. Con uno spelucchino affilato recideva gran parte delle foglie più esterne, riducendo il considerevole, pomposo volume delle mammole, che pescava da un capiente cesto al suo fianco, in torsoli quasi bianchi che prontamente sfregava con un mezzo limone, perché non si ossidassero, prima di appoggiarli su di un'altra cesta ribaltata sulla quale rimanevano esposti ai passanti per invogliarli all'acquisto. A volte, li offriva, appena pronti, alle massaie che percorrevano la strada per andare al mercato. Teneva in mano l'ultimo, appena mondato dalle sue mani esperte, come fosse una rosa. Erano dei fiori  squisiti, già pronti per essere mangiati così crudi, volendo, o per essere cucinati nei modi più tradizionali con olio, aglio e prezzemolo, o squartati e fritti o in uno dei tanti altri modi che la cucina locale aveva elaborato in secoli di esperienza. Intercalava questi sui gesti  lenti e dignitosi con un distratto ritornello: "Capate, capate donne. Scarciofoli freschi de Ladispoli" Curioso il latinismo, (da capere cioè prendere, scegliere) conservato nella parlata dialettale, ma perduto nell'italiano e nel romanesco urbano.
Se fossero carciofi di Ladispoli e lei stesse venisse proprio dalla  Maremma meridionale con una cesta di carciofi in testa, raccolti all'alba nel suo orto, è difficile da dire, ma è certo che si trattava di squisitezze già mondate che si potevano comprare con poche lire e potevano costituire, da sole, una cena gustosa, accompagnate soltanto dal pane e dall'acqua.
La squisitezza dell'acqua, bevuta dopo aver mangiato i carciofi, è un'esperienza indimenticabile per chiunque l'abbia provata e rimane immutata anche oggi, quando le maestose ortolanedi Ladispoli sono rimaste soltanto una cara immagine nella memoria.
Carciofi romani

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Il bel disegno originale "su misura" è di Emilia



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) lun 01 marzo 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017