All'indice alfabetico   -  All'archivio mensile   -   Alla galleria d'immagini - Ai miei racconti - Alle mie foto - A Blogger


dom 25 gennaio 2004  "Nighthawks" di Eward Hopper

Una malinconica conversazione (Nighthawks, olio su tela-1942) in un bar di città  di Edward Hopper (1882-1967).

Questo dipinto è stato, per un certo periodo, un'icona presente come poster in ogni dormitorio di college americano. Secondo Sister Wendy, una suora che esercita anche la professione di critica d'arte con entusiamo e vis comunicativa, sarebbe una splendida rappresentazione della solitudine urbana, o meglio, di quella esistenziale, più universale e senza scampo.

Hopper non ritrarebbe dal vero i suoi personaggi. La ragazza in rosso, come tutte le figure femminili, s'ispira alla moglie Jo, mentre avrebbe clonato sč stesso in entrambe le figure maschili, con le spalle sollevate in atteggiamento difensivo, immerse nell'innaturale nitore che li blocca all'interno. Non ci sono porte, in vista.

Per saperne di più sul dipinto vedi il testo inglese e la riproduzione zoomabile in:

http://www.artchive.com/artchive/H/hopper/nighthwk.jpg.html



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) dom 25 gennaio 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
ven 23 gennaio 2004  Non solo INTERNET...

... funzionano ancora egregiamente anche queste reti, per fortuna.


Nell'immagine una rete da pesca nel porto di Gorino FE



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) ven 23 gennaio 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
dom 18 gennaio 2004  S'io fossi uno scarpone e tu una calza di lana

S'io fossi uno scarpone e tu una calza di lana
Passerei la vita a correre per sentirti vicina
Se tu fossi una micia e io un bel gatto
cunsumerei la lingua a leccarti il pelo matto
Se tu fossi una pipa e io il pipatore
ti terrei sempre in bocca per lasciarti fumare
Se tu fossi un albero piantato in un giardino
Sarei radici e foglie pur di starti vicino
Sei spaziosa, grande e soda, ti farei un monumento
Prendimi per sempre come tuo basamento
Sei bella, gentile, silenziosa e delicata
Son il tuo mago, vuoi esser la mia fata?
Lascia perdere gli altri, con i loro bei modini
Non han la stazza adatta, sono solo stuzzichini



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) dom 18 gennaio 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
ven 16 gennaio 2004   Ola muchacho, che stai lė a fare?

Ola muchacho, che stai lì a fare?
alza le chiappe e fammi ballare
Come chi sono? Basta guardare
La più bella sbarbina che ti può capitare
Vedo che gli occhi li sai già usare
Portami in pista, se ci sai fare
Stringimi, strusciati, non ti fermare
Non c'è la musica, non senti suonare?
Sei scemo o sei sgonfio? Cosa vuol dire?
Non ti ho mica detto che devi cantare.

Non garantisco la fedeltà e autenticità del testo, ma mi è stato detto che si tratterebbe di una specie di rap che le ragazzine in età scolare cantano in coro per caricarsi, prima di dare l'assalto a malcapitati trentenni, ignari del pericolo che corrono se si presentano in discoteca senza una guardia del corpo che li protegga: una moglie, una morosa, un gruppo di amici.
Le orde di sbarbine agiscono in gruppo, approfittano dell'ingresso gratuito femminile, entrano in un locale a tarda ora e puntano "per gioco" tutti maschi liberi che abbiano il doppio della loro età. In cosa consista esattamente il gioco e fino a che punto si spinga non l'ho saputo. Sono scatenate, svestitissime, provocanti, aggressive e non reggono l'alcool, pare, per mancanza di enzimi appropriati.
Personalmente non le ho mai viste in azione e mi domando se sia solo una delle tante leggende metropoitane, come sospetto fortemente, o se, invece, ci sia qualcosa di vero.
Chi ne sa di più per esperienza personale o notizia certa?



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) ven 16 gennaio 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
gio 15 gennaio 2004  Tapioca, manioca, papioca

Tapioca, manioca, papioca
canta, canta la filastroca
se poi ti viene a noia cantare
prendi la bici e va in riva al mare
ascolta l'onda che parla e guarda i gabbiani pescare
ma tu non lo fare
pesca piuttosto cartacce e bottiglie
e fanne un bel bottino, da bravo bambino.
Fra tanta robaccia troverai preziosi tesori
belle conchiglie sbiancate dal sole
cocci di vetro limati dal mare
mettili in tasca, ci potrai giocare
e, se poi hai tanta fortuna,
troverai perfino una piuma.
Lasciala al vento che la porti lontano
e torni al suo posto in collo a un gabbiano
Canta, canta la filastroca
Tapioca, manioca, papioca



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) gio 15 gennaio 2004  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017