All'indice alfabetico   -  All'archivio mensile   -   Alla galleria d'immagini - Ai miei racconti - Alle mie foto - A Blogger


sab 25 ottobre 2003  O con le penne o con le pinne

In questi giorni grigi e freddi, quando noi orsi motociclisti, inzuppati dalle piogge battenti agogneremmo essere in una grotta a russare come i confratelli dei boschi, in attesa del ritorno della primavera, andavo ripensando all'altra strategia di sopravvivenza alla brutta stagione, molto in voga soprattutto fra i pesci e i pennuti: la migrazione verso luoghi caldi.
O di pinne o di penne molti di loro affrontano viaggi epici di migliaia di chilometri per allontanarsi dai luoghi freddi e procurarsi un confortevole tepore invernale. Anche i nomadi dediti alla pastorizia, sebbene fossero banali bipedi terrestri e inplumi, assecondavano la virtuosa abitudine di greggi e armenti, trasferendosi dai freschi alpeggi alle tiepide pianure. Noi no, siamo dei duri, restiamo inchiodati alle nostre città, anche quando fa troppo caldo o troppo freddo, con l'eccezione di brevi ed insoddisfacenti parodie migratorie: gli esodi estivi o natalizi, niente altro che insensate fughe collettive da città sempre più inospitali, verso luoghi invivibili come le stazioni balneari o invernali nei periodi di punta.
Pare, però, che i parigini che possono farlo, lasceranno la loro città la prossima settimana, in corrispondenza di una vacanza scolastica, così ho deciso di approfittarne, nella speranza di trovare la città meno affollata del solito. Domani, domenica, partirò, viaggiando controcorrente, anche senza penne o pinne adeguate, per sniffare una boccata di smog alternativo a quello quotidiano di casa, un'improvvisa overdose di ossigeno potrebbe ammazzarmi.


Nella foto il celebre Caproni CA100 della Regia Aeronautica, prodotto in serie dal 1925 al '29
Nel fregio in alto, le oche canadesi, campionesse di migrazioni stagionali



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) sab 25 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
ven 17 ottobre 2003  Dopo una sobria grigliata di carne (una in due) in un'osteria scelta caso

Mentre scrivo su di una piccola finestra di Note Tab, continuo a vedere sul brillante schermo LCD la foto di un borghetto vicno al monte delle formiche sull'Appenino bolognese. L'ho scelta come sfondo già da un paio di mesi e penso resistrà ancora.  

Si tratta di quattro case e di una torre sulla cima di una collinetta inserita in un paesaggio inequivocabilmente invernale di prati e di alberi spogli. L'ho scattata il 16 marzo scorso, al limitare della primavera astronomica, ma la vegetazione, ignara di calendari gregoriani, manteneva ancora prudenzialmente l'abito invernale, come del resto noi cristiani in gita fuoriporta per una sgranchitina su strade di crinale e sentieri poco battuti, dopo una sobria grigliata di carne (una in due) in un'osteria scelta caso. Quando si avvicina l'una ci si ferma al primo posto che ispiri e sia aperto. Di sabato a pranzo si mangia tranquilli con poca gente e senza rumore o affanno.

La foto scattata da una collina vicina, sovrastante di poco il borghetto, trae la sua piacevolezza dalla difformità armoniosa delle povere case dall'intonaco sbiadito, dalla loro posizione dettata dalla pendenza del declivio e dal commovente scatto d'orgoglio di una torre, del tutto incongrua rispetto alla disarmante umiltà dell'insieme.
Un sabato o l'altro ci tornerò in una stagione diversa, magari con la magia della neve.



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) ven 17 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
lun 13 ottobre 2003  Gelsomino d'autunno

In questi giorni, aprendo le doppie finestre, entra dal terrazzo il profumo intenso di un gelsomino a spalliera coperto di vigorosi grappoli di fiori bianchi. Nessuno di noi, in famiglia, sa interpretare questo gesto trasgressivo di una pianta che, in passato, si era adagiata sui ritmi conformistici di una lunga fioritura durante la tarda primavera e l'estate.
Fin da da quando ero bambino, il profumo del gelsomino bianco, come quelli simili del caprifoglio e delle tuberose, significava per me: estate, vacanze, giochi all'aperto e grilli notturni sotto le finestre aperte.
Ora che i tigli stanno ricoprendo di foglie gialle il vialetto e le finestre rimangono normalmente chiuse, il profumo del gelsomino sul terrazzo è un piccolo tuffo al cuore gradito, ma inatteso; l'annuncio ingannevole di un' estate che invece è finita e tornerà solo dopo un lungo inverno freddo e senza altri profumi, se non quello prezioso del calicantus.

Foglie dei tigli di casa sotto la pioggia battente



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) lun 13 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
sab 11 ottobre 2003  E se fossi un'ombra?

 

  • E se fossi un'ombra?
  • Chi? tu o io?
  • Chi vuoi tu, anche entrambi, se vuoi.
  • Meglio in due; altrimenti ho paura che mi sentirei solo.
  • Cosa potremmo fare da ombre?
  • Io vorrei sdraiarmi su di un prato e guardare i cani che se la spassano scorazzandomi intorno liberamente, come se non esistessi.
  • Bello, verrei anch'io. Poi potremmo lasciarci trasportare dal vento nel bosco...
  • ... e infilarci in un albero cavo e sentirlo scricchiolare da dentro...
  • ... e lasciarci cadere da un ramo come foglie d'autunno.
  • Stiamo diventando lirici; dev'essere la mancanza di peso.
  • Troppo? Pensi che dovremmo conservarci più pesanti, ombre zavorrate, insomma?
  • No, non più di una foglia secca. Lasciamoci arruffare da questa brezza insieme alle altre foglie.
  • Ho sempre desiderato muovermi così silenziosamente, senza sforzo e senza calpestare nulla. Ma dimmi, tu senti freddo, ora?
  • No, e neppure caldo, né fame, né sete, né stanchezza.
  • Come sei diventato lungo, però.
  • Anche tu. A domani, allora, quando l'aurora dalle rosee dita ci risveglierà a nuova vita.

--
A sinistra il celebre bronzetto etrusco "L'ombra della sera" - Volterra



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) sab 11 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
ven 10 ottobre 2003  Base per altezza sarebbe una formula applicabile alla vita di tutti i giorni?

  • Base per altezza sarebbe una formula applicabile alla vita di tutti i giorni, secondo te?
  • Preferirei anche che tu completassi la formula con un equo "diviso due", se non ti dispiace.
  • Certo, molto volentieri, il discorso diventa più acuto, più penetrante. Mi era sfuggito, scusa.
  • Per risponderti seriamente, però dovrei pensarci. La quotidianità è dura da geometrizzare, ti pare?
  • Infatti, mentre un singolo gesto eroico, se isolato, potrebbe sopportare anche un P greco R3, un sereno tran tran rappresenta sempre una meta ardua da raggiungere e, soprattutto, da mantenere.
  • Del resto l'eroismo come rifugio e fuga è un topos.
  • Non sapevo e da quanto tempo lo è diventatos?
  • Dopo la battaglia di Maratona, credo. Battuti i persiani, per i reduci era duro riprendere la solita vita fra casa, piazza e caffè, racconta Erodono.
  • Erodoto, forse.
  • Giusto, è stata una stupida correzione del check speller che, poverino, è ignorante come una capra. Bisogna pensare che allora non c'era neppure la televisione, non che sia una presenza senza ombre.
  • Tematica o generalista? Come la definiresti la televisione inesistente di quell'epoca?
  • Non saprei, per i greci di allora forse sarebbe bastata l'assenza di un solo canale generalista, anche se mi rendo conto che è un discorso pericoloso quello in cui mi sto infilando, che potrebbe scivolare verso subdole forme di razzismo retrospettivo.
  • Non scivolare e sfilati subito, allora. Tenere in casa una tigre da duecento chili, come fosse un gatto, solo perché è un felino mi sembra ancora più pericoloso, però.
  • Hai una tigre in casa?
  • No, neanche un gatto.
  • Neanche io, del resto sarebbe un ben misero risultato dividere a metà la base per l'altezza di un gatto, anche senza tener conto delle difficoltà di una misurazione dal vivo, non troppo invasiva .
  • E' quello che penso anche io, la geometrizzazione del quotidiano non appaga. Non so bene il perché, però.

---
L'edificio così acutamente triangolare della figura si trova a Berlino



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) ven 10 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
gio 09 ottobre 2003  Ignobel per la pace

Fra i vari premi annuali Ig-Nobel 2003 assegnati lo scorso 4 ottobre ( http://www.improbable.com/ig/ig-pastwinners.html ) mi sembra tristemente spassoso il premio per la pace vinto da Lal Bihari: un signore indiano dello stato di Uttar Pradesh, tristemente famoso per la grande povertà e la fiorente delinquenza a buon mercato, che ha impiegato diciotto anni di vita intensa, attiva e trasgressiva per farsi riconoscere dai solerti burocrati della sua città come vivo anziché deceduto.
Il suo non è neppure un caso isolato, al punto che ha potuto fondare, da morto, un'associazione dei morti cioè di suoi compatrioti vivi e vegeti che, come lui, risultano morti nei registri anagrafici dei loro paesi.

Andando all'osso, tutta la faccenda si riduce ad ordinari casi di corruzione a buon mercato di impiegati anagrafici che accettano di registrare come morto il possessore di un piccolo, ma ambitissimo poderetto. I parenti famelici vanno all'ufficio anagrafico, sganciano una modesta mazzetta (da 1 a 50 Euro) all'impiegato che ammazza all'istante sui suoi registri il disgraziato possessore di un fazzoletto di terra. Nessuno si sporca le mani di sangue, ma la morte burocratica è tale a tutti gli effetti, basti pensare che il signor Lal Bihari ha impiegato 18 anni, durante i quali ne ha fatte di tutti colori, per farsi resuscitare e tornare in possesso dei suoi miseri beni.
I premi IGnobel vengono assegnati da 13 anni a ricerche inutili che "prima fanno sorridere, poi pensare". Chi volesse vederne l'elenco, con le motivazioni (in inglese) e tutto il resto vada su: http://www.improbable.com/ig/ig-pastwinners.html
Fra gli altri, interessante l'ignobel per la chimica attribuito quest'anno ad un giapponese che ha indagato sulle ragioni per cui una statua di bronzo della sua città appariva meno bersagliata dai piccioni di altre della stessa nobile lega.



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) gio 09 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
mer 08 ottobre 2003  Canapa, pace, pece e pazienza

Io calafato, tu calafata, egli non ce la fa a calafatare ed è meglio che cambi mestiere.
Calafatare richiede canapa, pace, pece e pazienza.
Nel ramo calafatatura senza canapa non si campa.
Se la calafatatura è a regola d'arte la nave solca le onde, altrimenti ara il fondo.
Quando una nave mal calafatata tocca il fondo, vi si adagia con grazia e ci resta senza annaspare nell'inutile tentativo di risalire e in ciò si differenzia dall'homo sapiens sapiens che ottiene lo stesso risultato, ma agitandosi scompostamente.

Calafatare consiste nell'infilare con sapienti colpetti la canapa in una fessura molto stretta fra due doghe di legno, pertanto senza fessura non c'è calafatatura, ma non viceversa.

Se una galera di legno galleggia perché ben calafatata tutti i galeotti se ne rallegrano benché incatenati, in caso contrario perdono la loro allegria e sviluppano tendenze all'annegamento collettivo.

La calafatatura non attecchisce sulle barche di plastica perché prive delle indispensabili fessurazioni che apparivano spontaneamente nel fasciame delle ben costruite navi di legno, fin dai tempi di Omero.
Molti se ne rallegrano, ma non i calfatatori che vedono scemare la loro arte e sentono di essere ormai in via di estinzione; per questo usano la canapa in modi nuovi, stigmatizzati dai benpensanti.

La figura rappresenta una galera veneziana del XIV secolo



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) mer 08 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
lun 06 ottobre 2003  Il sospiro del moro

  • Preferiresti essere considerato la manna dal cielo o la coda del diavolo?
  • Perché, posso scegliere?
  • Naturalmente, siamo nel dominio del possibile.
  • E avrei anche altre opzioni, o solo quelle due?
  • Fin che ne vuoi, approssimativamente.
  • Mi piacerebbe molto "il sospiro del moro", allora.
  • Cosa sarebbe? Una praline di cioccolata con un alito di dolce malinconia?
  • Potrebbe essere, anche se, con quel nome, io conosco solo un passo montano andaluso dal quale si scorge Granada. Una veduta indimenticabile, di notte, quando tutto il rumore paesaggistico intorno tace e rimangono vive solo le luci della città lontana.
  • Bellissimo. Tu allora vorresti essere una galassia di luci terrene nella notte?
  • Mi piacerebbe, soprattutto d'estate, quando il caldo fa tremolare le luci.
  • E sia, allora, e che d'ora innanzi tutti gli animi gentili e sensibili si abbandonino con dolcezza alla contemplazione delle tue mille luci tremule nella notte, mio struggente sospiro del moro.



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) lun 06 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
dom 05 ottobre 2003  Ripose il papagallino nella tasca interna, ordinatamente

  • E' un carpediem della miglior specie, ti dico.
  • Ma a sua insaputa o sua sponte? E' diverso, mi concederai.
  • Lo è anche nel sonno profondo, lascio a te decidere.
  • Allora non ci sono dubbi, ma parce victis.
  • Certo, certo il caso è chiuso, per quanto mi riguarda. Te ne ho parlato perché la faccenda ha sorpreso anche me, in primis.
  • Non dubito, in questo caso l'abito non fa il monaco: sempre così lavato&stirato… chi poteva immaginarlo?
  • Eppure, a ben vedere, qualche indizio ce lo aveva fornito?
  • Veramente? In che occasione?
  • Quando lo accompagnammo alla tomba della madre. Lui commosso spolverò la scritta profondamente incisa sulla lapide: “Padre e moglie esemplare si spense nel più bello”. Lo ricordi?
  • Certo un motto indimenticabile, così enigmatico e struggente. Era vedova di un marito virtuale, vero, e quindi aveva provveduto da sola ad allevare ciascuno dei suoi figli unici?
  • Ovviamente, ma non è questo il punto. Ricordi di cosa si servì per spolverare delicatamente ciascuna lettera con delicatezza filiale?
  • Certo: un pappagallino verde, ancora molto acerbo, se mi consenti la battuta frusta.
  • E ti sembra poco? Voglio dire che se non ci fossimo lasciati coinvolgere dall'onda di commozione avremmo potuto raddrizzare le orecchie fin da allora.
  • Perché? Ricordo che si comportò in modo esemplare, sinceramente commosso, ma compos sui e il pappagallino lo ripose ordinatamente nella tasca interna della giacca, senza lasciare traccia della sua visita se non nel pio gesto di restaurare la leggibilità della lapide.
  • Forse hai ragione tu, meglio sospendere il giudizio, non vorrei lasciarmi trascinare da ingiustificati pregiudizi, anche se connotandolo come un carpediem non volevo minimamente sminuire la sua indiscussa statura di studioso di sociologia degli imenotteri. Vera, vita, varia.
  • Le conoscevi anche tu?
  • Chi?
  • Le tre sorelle Gardesan, in ordine d'età sarebbero Varia, Vera, Vita, ma non vorrei essere pignolo.
  • Impossibile, tu sei un battopari ambidestro senza ripensamenti, per fortuna.



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) dom 05 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017
mer 01 ottobre 2003  La bacchetta del teatro conta fino a ventiquattro

"La bacchetta del teatro conta fino a 24.."
Anche le filastrocche e le conte cambiano di città in città, com'è giusto e ragionevole, del resto. Forse la televisione riuscirà ad imporre una certa globalizzazione anche in questo settore, ma in passato la differenza fra un bambino modenese o bolognese ed uno romano erano notevoli, anche in questo importante dominio culturale.

Quando ci trasferimmo da Bologna a Roma io avevo nove anni, frequentavo la quarta e giocavo più che potevo. Siccome la scuola statale era un po' distante ed il percorso casa-scuola obbligava all'attraversamento di alcune grandi strade di traffico, i miei m'iscrissero ad una scuola di suore tedesche che vantava un magnifico giardino a cinquanta metri da casa.

Questo fu il solo motivo per me di quella scelta, ma, frequentandola, mi resi conto che invece i miei nuovi compagni stavano percorrendo i primi gradini preparatori ad un cursus honorum che sarebbe continuato in cattolicissime scuole superiori e, presumo, nell'Università cattolica, anticamera confortevole per una carriera politica nel partito di governo o nei meandri imperscrutabili delle capaci strutture amministrative che prosperavano all'ombra del cupolone.

L'anno successivo, diventato più esperto del traffico, fui iscritto in quinta nella scuola pubblica: un orrendo edificio in puro stile fascista intitolato ai "Fratelli Bandiera", sfortunati patrioti fucilati nel vallone di Rovito che, più tardi, offrirono, loro malgrado, lo spunto alle clamorose "Sorelle Bandiera" con il loro irriverente "Fatti più in là" de "L'altra domenica": la trasmissione televisiva domenicale di Renzo Arbore negli anni '70.

Che carriera abbiano fatto i miei compagni educati dalle suore tedesche non ho mai saputo perché rapidamente persi memoria dei loro cognomi oltre che delle loro facce; ricordo soltanto che per giocare con loro nel bel giardino romano mi toccò imparare a memoria nuove conte e aggiornare il mio dizionario dei giochi con nomi per me esotici, quali puzzico rampichino, che nel corso della vita successiva non ho poi avuto occasione di sfruttare a fondo, perfino meno del greco antico, oggetto di studio spassoso per ben cinque anni.
All'urdu non mi sono ancora avvicinato con adeguato entusiasmo.



Pubblicato da Alessandro C. Candeli (@lec) mer 01 ottobre 2003  Invia un commento all'autore
"Hac re videre nostra mala non possumus; // alii simul delinquunt, censores sumus." (*)

Indirizzo permanente - Al blog più recente -  All'indice alfabetico - Cerca... -   In fondo - All'inizio

Archivio mensile
maggio 2003giugno 2003luglio 2003agosto 2003settembre 2003ottobre 2003
novembre 2003dicembre 2003gennaio 2004febbraio 2004marzo 2004maggio 2004
settembre 2004ottobre 2004novembre 2004dicembre 2004febbraio 2005marzo 2005
aprile 2005dicembre 2005gennaio 2006febbraio 2006marzo 2006aprile 2006
maggio 2006settembre 2006ottobre 2006novembre 2006gennaio 2007febbraio 2007
ottobre 2007novembre 2007dicembre 2007febbraio 2008marzo 2008aprile 2008
maggio 2008agosto 2008settembre 2008ottobre 2008novembre 2008dicembre 2008
gennaio 2009marzo 2009aprile 2009maggio 2009giugno 2009luglio 2009
settembre 2009ottobre 2009novembre 2009dicembre 2009gennaio 2010febbraio 2010
maggio 2010giugno 2010luglio 2010ottobre 2010novembre 2010dicembre 2010
gennaio 2011febbraio 2011marzo 2011aprile 2011maggio 2011giugno 2011
novembre 2011dicembre 2011gennaio 2012febbraio 2012marzo 2012maggio 2012
giugno 2012ottobre 2012novembre 2012dicembre 2012giugno 2013settembre 2013
novembre 2013dicembre 2013gennaio 2014febbraio 2014marzo 2014aprile 2014
maggio 2014giugno 2014settembre 2014ottobre 2014novembre 2014febbraio 2015
marzo 2015maggio 2015ottobre 2015giugno 2016ottobre 2016novembre 2016
dicembre 2016gennaio 2017febbraio 2017