Precedente InizioSeguente
Animation

 

 

 

 

 

 

 

 

 

To HOME page "Vita, morte e miracoli" di Alessandro Claudio Candeli

indirizzo email

Professore d'italiano e storia nella scuola secondaria superiore ha ormai i capelli grigi e da qualche tempo a riposo, dopo essere stato a lungo distaccato presso l'istituto di ricerca IRRE Emilia Romagna per il quale ha costruito il sito WEB.

Vive a Bologna e le sue maggiori energie sono state assorbite, negli ultimi vent'anni, da conferenze e corsi di aggiornamento per gli insegnanti e per i loro studenti nell'intento di diffondere una cultura ipertestuale che si fondi sull'uso consapevole e attivo della rete. Coltiva l'utopia, ma non dispera di mietere il raccolto, prima o poi, dopo così lunga e intensa semina.

Ama la musica, la cioccolata, la frutta, leggere, scrivere e fotografare. Non ama l'inverno, detesta il Natale e gli altri riti frusti, ma ama i miti classici. Gli piacciono le passeggiate, i viaggi e alcune altre attività abbastanza scontate e tradizionali che sarebbe inelegante menzionare. Per gran parte della sua vita ha fumato la pipa con soddisfazione e si sposta preferibilmente a piedi, in bici o in moto, se non piove troppo forte.

Ha una moglie (Anna Maria), due figli (Valeria e Marco), tre nipoti: Margot, Alessandro, Iris e pochi amici che lo sopportano e confortano affettuosamente. Molti lo considerano giustamente un orso(blu). Da parte sua incoraggia la diceria anche perché nutre un'ammirazione incondizionata per gli orsi, al punto di sperare di esserlo veramente al prossimo giro.

Altro non è dato sapere.  

Blog

Dal 2003 gestisce un blog personale intitolato "Kilpoldir?" ("Chi può dirlo?" in dialetto ostrogoto) a cui si puo accedere, oltreché cliccando sull'immagine qui sotto, anche direttamente all'indirizzo: http://kilpoldir.candeli.com oppure https://kilpoldir.blogspot.it/

Logo del blog Kilpoldir

Gli argomenti trattati nei blogspot sono i più vari: racconti, filastrocche, limeriks, dialoghetti, nonsense, informazioni commentate ed altro. Tutti, indistintamente, sono accompagnati da immagini particolarmente curate e non certo marginali rispetto al testo. Tutte quelle marcate "@lec" sono sue fotografie originali scattate con fotocamere digitali o con il telefoninno e, successivamente, elaborate al computer con grande spasso.

Foto

Dal 2007 ha cominciato a pubblicare su Flickr una larga selezione delle sue foto digitali rendendole pubblicamente visibili a pieno schermo una per volta o in presentazioni a scorrimento automatico temporizzato (slide show) Per facilitare anche una visione delle immagini di stesso argomento, le foto sono state ragruppate in set con un titolo che ne facilita l'individuazione.

Kilpoldir su Flickr Set Archivi Tag Profilo Cartina

 

Cliccca sulle foto qui sotto per accedere ad una selezione di mie foto su FLICKRIVER

kilpoldir - View my most interesting photos on Flickriver

 

Libri

Libri acquistabili on-line

Alessandro Claudio Candeli "Capo e coda" - Edizioni ILMIOLIBRO - 2008
cAPO E CODA Nel 2008 ha pubblicato in rete con il titolo "Capo e coda" una selezione di racconti  molto diversi per argomento, misura e stile. L'autore ha dichiarato che dopo ogni raccontino faceva una capriola per evitare la tentazione di adagiarsi nello stesso solco mentale. Il risultato è una sequenza sorprendente di storie e storielle che avvincono, senza mai ricalcare un solo modello vincente: una continua sfida alla capacità di rinnovarsi che coinvolge anche il lettore, sempre ignaro del destino che lo aspetta voltando pagina.apo e coda" è una raccolta di racconti molto diversi per argomento, misura e stile. L'autore ha dichiarato che dopo ogni raccontino faceva una capriola per evitare la tentazione di adagiarsi nello stesso solco mentale. Il risultato è una sequenza sorprendente di storie e storielle che avvincono, senza mai ricalcare un solo modello vincente: una continua sfida alla capacità di rinnovarsi che coinvolge anche il lettore, sempre ignaro del destino che lo aspetta voltando pagina.

 

Alessandro Claudio Candeli "Dozzine di filastrocche, limericks e indovinelli spassosamente illustrati" - Edizioni ILMIOLIBRO - 2008
Filastrocche e limericks Nel 2011 ha pubblicato "Dozzine di filastrocche, limericks e indovinelli spassosamente illustrati" .Questo libriccino è stato costruito a quattro mani con Emilia Gibertoni, via cloud computing, per la nipotina Margot che sta imparando a leggere. Figure e testi sono originali e prodotti al computer espressamente per questa opera con grande spasso degli autori i quali si augurano che la piccola lettrice si diverta nel leggerla quanto si sono divertiti loro nel farla.

 

Alessandro Claudio Candeli "FRONTE RETRO" - Edizioni ILMIOLIBRO - 2012
Fronte Retro Nel 2012 ha pubblicato FRONTE RETRO Si tratta di una raccolta di racconti che hanno in comune fra di loro solo la diversità, ricercata come principale criterio di composizione. L'imprevedibilità della sequenza si propone di sorprendere il lettore, racconto dopo racconto.

 

Alessandro Claudio Candeli "GIACOMATTO" - Edizioni ILMIOLIBRO - 2012
Giacomatto Ancora nel 2012 ha pubblicato GIACOMATTO una favola classica che lascia pieno spazio all'invenzione fantastica, benché sia stata scritta con particolare attenzione al linguaggio e alla verosimiglianza storica. Le figure sono state create espressamente per il testo con pastelli e poi digitalizzate.

Chi, incuriosito dalla lettura delle brevi presentazioni, volesse leggere un libro per intero, potrà farsi spedire ciascun volume (o tutti in insieme) in carta e ossa direttamente a casa

 

Libri esauriti, ma consultabili nelle biblioteca nazionale centrale italiana e altrove

 

Alessandro Candeli "PILOT Un linguaggio per la didattica" Zanichelli editore - 1986

Dopo una brevissima e molto soddisfacente trattativa con il professor Lorenzo Enriques che insieme con il fratello possedeva e dirigeva la casa editrice Zanichelli, L'autore scrisse nel 1985 questo volume di 332 pagine per la prestigiosa "Collana di Scienza dei Calcolatori". Era l'epoca della fioritura dei linguaggi artificiali ed il PILOT, disponibile per tutte le famiglie di computer difffuse allora, era di gran lunga il linguaggio più dotato per la creazione di lezioni interattive a risposta aperta. La sua potenza e semplicità permetteva la costruzione di "lezioni" anche da parte di docenti esperti nella loro disciplina, ma non altrettanto abili nella programmazione di computer che stavano cominciando a diffondersi nelle scuole superiori italiane. Questo manaule si proponeva di fornire, anche con grande ricchezza di esempi, le linee guida -in italiano- per costruire strumenti didattici di educazione assistita (Computer Aided Instruction).

Il volume, esaurito, è disponibile per consultazione nelle biblioteche nazionali italiane e anche altrove.

 

Alessandro Claudio Candeli Anna Chiarini "L'ITALIANO CON IL COMPUTER" -Thema editore - 1988

Questa opera scritta a quattro mani con Anna Chiarini è composta da due dischi e da un testo cartaceo. Nasceva da una loro esperienza quadriennale in una scuola superiore bolognese che ritenevano valida ed estensibile ad altre scuole. Ci si proponeva di fornire un contributo concreto e praticabile all'uso del computer per l'insegnamento delle discipline letterarie con techiche CAI (Computer Assisted Instruction), sfruttando al meglio le attrezzature informatiche che il piano per l'informatizzazione aveva fornito alle scuole superiori.

E' stata la prima opera scolastica in Italia a comprrendere due dischetti come parte integrante fondamentale, in aggiunta ad un testo cartaceo tradizionale. La presenza dei dischi ha comportato serie difficoltà di diffusione perché i promotori editoriali temevano di non saper rispondere alle domande che i docenti avrebbero posto loro sull'uso dei dischetti, nel momento di decidere se adottare come grammatica italiana quest'opera fortemente innovativa. Per questo l'editore ha ritenuto di avvalersi degli autori stessi per dissipare preventivamente i timori, mandandoli in giro per il Paese a "spiegarne" le modalità d'uso e i vantaggi. Per gli autori che, nel frattempo, andavano a scuola tutte le mattine, è stata un'eperienza molto faticosa, ma altrettanto interessante.

La Honeywell ha sponsorizzato gratuitamente la produzione dei dischetti permettendo di contenere i prezzi dell'opera che l'editore ha sostenuto e diffuso con convinzione. Per gli autori è stata un'esperienza del tutto appagante, al di là degli aspetti economici.

 

Alessandro Claudio Candeli "EUREKA" Thema editore - 1988
EUREKA

"EUREKA - Sistema autore per la costruzione di lezioni dialogiche a risposta aperta in ambiente MS-DOS" è stato pubblicato nel1988 per eseguire e costruire lezioni dialogiche formate da messaggi, figure e domande a risposta aperta, alternate a discrezionedell'autore, ed ottenere un registro dei risultati conseguiti dagli esecutori. Il punteggio e tutte le risposte sbagliate fornite nel corso dell'esecuzione, nonché il nome dell'esecutore e la data, vengono registrate su disco a disposizione dell'insegnante. La costruzione di lezioni e test nuovi è facile, rapida e non richiede alcuna conoscenza di tecniche di programmazione.

L'autore, sfruttando la sua competenza in PILOT, l'ha scritto da zero completamente in "IBM PILOT" per sfruttarne la grande potenza e versatilità nel gestire risposte aperte che altri linguaggi, meno specialistici, non avrebbero permesso di controllare.

La distribuzione ufficiale di EUREKA nelle scuole fu curata dall'editore, ma come era prevedibile, trovò soprattutto una larga diffusione attraverso copie pirata che permisero la costruzione di centinaia di lezioni in tutta Italia e anche, imprevedibilmente, in Francia, Svizzera, Olanda e Australia (e forse altrove).

La mancanza di collegamenti delle scuole alla rete e, soprattutto, una scarsa cultura della condivisione, impedì la raccolta in un solo "canestro" virtuale delle lezioni, benché l'editore avesse offerto uno spazio gratuito sul proprio server. I tempi non erano ancora maturi e le scuole, in generale, avevano (hanno?) una scarsa propensione a diffondere e condividere le attività ed esperienze didattiche interne.

L'autore, al di là dei modesti guadagni, è stato molto gratificato dal constatare la larga diffusione piratesca del suo sistema autore e dall'essere riconosciuto come "il papà di EUREKA".

 

 

Oggi è   ... spassatela!

Pagina a cura di Alessandro C. Candeli. Ultima modifica: 16-12-2017

"Orsoblu" ringrazia Emilia Gibertoni per le belle icone di questa pagina